Come funziona?
5.0 1 20 0
30.08.2021

Il miglior gioco al quale Ubisoft non ti lascia giocare Pt. 5

(Quinta parte della recensione a Driver: San Francisco, trovate le parti precedenti negli articoli pubblicati di recente o su "cerca")


Da lì, sono tornato a casa, ho digitato il codice della mia carta regalo Subway, ho ottenuto il codice Uplay con successo, ed ecco, dopo aver saltato attraverso circa un milione di cerchi, ho finalmente avuto le mani su Driver: San Francisco di nuovo, e sono stato sollevato per scoprire che il gioco era esattamente come lo ricordavo. Tornando a Driver: San Francisco dopo una pausa di otto anni, penso che la cosa che mi ha colto alla sprovvista questa volta è stata quanto sia interessante tutta la scrittura del gioco. E c'è molto da scrivere. Ho contattato via e-mail il designer narrativo di Driver: San Francisco Ian Mayor, il quale mi ha detto che il gioco contiene circa 270.000 parole di dialogo, che è un numero assolutamente ridicolo per un gioco del suo genere.


Secondo un'intervista che OXM ha condotto molto, molto, molto tempo fa quando il gioco è uscito per la prima volta, il gioco ha apparentemente più linee di dialogo dell'intero Mass Effect 2. So che sembra folle per un gioco di corse, ma quando si play Driver: San Francisco, in effetti ha un senso. La struttura del gioco - e in particolare, la meccanica dei turni di cui ti stavo parlando - significa che salti costantemente dentro e fuori i corpi di nuovi personaggi e parli con i loro co-passeggeri e, di conseguenza, il gioco ha dozzine e dozzine e dozzine di personaggi completamente distinti, molti dei quali incontrerai solo una volta. A quanto pare, la meccanica dei turni è anche una vena incredibilmente ricca da cui estrarre fantastici momenti narrativi. Ogni volta che salti nel corpo di qualcuno in Driver: San Francisco, c'è un breve, scherzoso scambio tra Tanner - che ora sta possedendo qualcun altro - e la persona sul sedile del passeggero, e ogni singolo scambio è grondante di questa sorta di drammatica ironia di fondo , perché mentre tu e Tanner sapete entrambi che Tanner non è in realtà la persona seduta al posto di guida, il passeggero non lo sa perché sei dentro il loro corpo.

Ha senso?

Tutto questo, secondo Ian, si è aggiunto a un gioco con un totale di 150 passeggeri civili separati e distinti in città, e non solo, ogni civile ha tonnellate di dialoghi unici a seconda del capitolo del gioco in cui li incontri. in, il che significa che i playthrough di Driver: San Francisco non saranno mai esattamente uguali tra due giocatori. La metà delle volte, quando possiedi qualcuno in Driver: San Francisco, Tanner si tuffa in qualcuno nel bel mezzo di una conversazione e deve fingere di farsi strada attraverso quella conversazione per non destare sospetti. Finisce per produrre questo tipo di piccoli studi microscopici sui personaggi, quasi come una versione rapida della narrazione di WarioWare. Sono arrivato al punto che durante il gioco, mi sono ritrovato a cercare attivamente le auto che avevano qualcuno seduto sul sedile dei passeggeri, solo per potermi spostare nei loro corpi per ascoltare più dialoghi di questo gioco.

5.0 (1)
Autore Gianluigi
Articoli Hot
Chat